Una bambola di sorella

Mi sto frequantando con Paola una ragazza dal carattere molto forte e deciso, ed anche a letto dimostra lo stesso spirito dominante ed intraprendente, forse troppo in molte occasioni.
Non che la cosa non mi dispiaccia, solo che non fare poco o niente non sempre mi sfagiola, però il sesso è fantastico. Un pomeriggio non ci dovevamo vedere ma ricevo un sms dal numero della sorella Vincenza, dove mi dice che ha il tel senza soldi e di venire a casa sua ch'è sola, una bella villeta a schiera in provincia Trento.
Prontamente ero già in macchina lanciato per raggiungerla quando scopro, una volta arrivato da lei, che non c'era nessuno in casa al di fuori della sorella, m'aveva ingannato. Chiedo spiegazioni e mi risponde che aveva bisogno di parlarmi e si vergognava a chiedermelo esplicitamente.
Vincenza è un pezzo di pane di ragazza, soltanto ha il carattere opposto della sorella, molto introversa, timida ed un pò goffa nelle situazioni. Generalmente abbiamo un ottimo rapporto quindi non capivo questa segretezza o timidezza estrema nei miei confronti quando sono diversi mesi che mi vede.
Mi dice che deve mostrarmi una cosa e di raggiungerla in camera fra pochi minuti, mi fa accomoddare in cucina e mi prepara un caffè. Finito di berlo sento la sua voce che mi chiama e mi accingo vicino alla sua porta socchiusa , aprendola piano chiedendo permesso. Me la trovo in mezzo alla stanza nuda come mamma l'ha fatta vestita solo di collari ed accessori fetish. Sbalordito non so cosa dirle, prende parola lei dicendo che mi desidera dal primo momento che m'ha visto ed ha una fantasia di me che le faccio quello che voglio, come fossi la sua bambola privata.
Al contrario della sorella è un pò più in carne, con più seno anche, ma è molto arrapante. Mi viene incontro iniziando a spogliarmi alchè provo a fermarla ma dice che non lo saprà nessuno, prendendomi il cazzo in quella bocca minuta ma molto vorace. E' molto meglio della sorella a fare i pompini così la prendo per i capelli , la metto in ginocchio contro il muro e le tiro su le mani dando il tempo io quando glielo infilo in bocca.
Si lascia fare di tutto, è proprio la mia bambolina accondiscendente. La sbatto così forte che le lascio tutti i segni sulla pelle chiarissima che ha, scoparla è una meraviglia, troppo eccitante. Inoltre la voce timida che ha mentre geme regala emozioni ogni volta. Volevo venirle sulle tette ma all'ultimo le apro la bocca e le vengo dentro , facendola ingoiare. L'unica parola che dice dopo è :" ancora...."
Sarà un piacere doppio venire in questa casa d'ora in poi, basta che ci sia una delle due sorelle e non ci si annoierà mai

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!