Il commercialista di mio marito

Mi chiamo Francesca (tutti i nomi sono di fantasia e non reali), ho 30 anni, sono sposata e mamma di tre figli. Premetto che sono sposata da ben 10 anni, e mio marito fino all'estate 2015 è stato il mio primo ed unico uomo, all'inizio eravamo un po’ più libidinosi, ma poi col tempo solo semplice sesso alla missionaria, sesso orale di tanto in tanto, e alcune scopate alla pecorina (anche dietro). Non sono una donna eccezionalmente bella, ma nemmeno brutta, sono alta circa 1,65mt, capelli che porto di solito corti e mossi, occhi verdi, labbra piuttosto pronunciate, fisico un po’ in carne (taglia 48/50), porto una quarta di seno e un bel sederino. Mio marito, Giorgio, ha 10 anni più di me, rimasi incinta del mio primo figlio all’età di 19 anni, e lui da subito si prese le sue responsabilità, sposandomi felicemente. Già all’epoca gestiva un negozio insieme ai suoi genitori, che sono venuti a mancare negli anni, ed io stessa dopo il matrimonio, tra il crescere i figli, gestire la casa e la famiglia, andavo ad aiutarlo al negozio. Insomma, tutto normale, una famiglia felice, fino a quando mio marito dovette chiudere il negozio per debiti, tasse, ecc. ecc. Fortunatamente sa fare alcuni mestieri e nonostante le difficoltà, tra quello che avevamo risparmiato neglia anni ed i lavoretti che ogni tanto andava a fare, si tirava avanti. Le difficoltà però non sembrano finire mai. A giugno dello scorso anno, ci arriva una cartella da pagare, per delle dichiarazioni omesse di circa 8000€. Giorgio non perde tempo e va a parlare con il commercialista, Maurizio, un suo amico di vecchia data, che si occupava da anni dei nostri conti. Maurizio è un bell’uomo e hal’appellativo di essere un donnaiolo. Giorgio torna dal colloquio con Maurizio pressochè distrutto, in quanto, gli era stato detto che putroppo doveva pagare e che al massimo si sarebbe potuto andare a chiedere una dilazione all’agenzia delle entrate. Quasi in contemporanea viene a mancare lo zio di Giorgio, fratello del padre, e dato che erano piuttosto legati, mio marito dovette partire per stare x circa una settimana vicino alla zia, rimasta vedova e che tra l’altro, a Giorgio lo trattavano come un figlio, perché loro non ne avevano. Il giorno dopo la partenza di Giorgio, chiamo telefonicamente Maurizio per andargli a parlare di persona e capire come stavano le cose. Da subito appena entro nel suo studio, mi guarda dalla testa ai piedi, in modo molto compiaciuto, era la prima volta che andavo lì da sola. Mi tratta in modo piuttosto gentile, e parlando della cartella da pagare, mi dice: “Guarda vorrei poter fare qualcosa per te e Giorgio, ma non posso proprio far niente. Mi dispiace, ma dovete pagare, e come ho già detto a lui, fatti una capatina alle entrate e vedi se posso fare qualcosa lì”, io piuttosto dispiaciuto e quasi in lacrime:”Ma scusa, eri te che ci tenevi i conti, perché dobbiamo pagare noi se c’è stato un tuo errore? Sicuro che non puoi proprio far niente? Diamine, tu e Giorgio siete cresciuti insieme, siete amici di vecchia data e non puoi fare niente per lui?”, lui:”mi spiace, ma gli affari sono affari, i sentimenti un’altra volta…”, poi lui si alza e viene dietro di me, si china con la testa all’orecchio e continuando dice: ”Però, forse a pensarci bene, qualcosina si può fare, se sei più gentile con me”, e mentre parla allunga una mano nella camicetta per toccarmi il seno, io incazzata:”Ma come ti permetti porco!!! Mi fai schifo!!! Se lo sa Giorgio ti spacca la faccia!!! Ma per chi mi hai preso? Per una di quelle puttanelle che ti scopi a tuo piacimento?”, e mi alzo stizzita, lui mi guarda e sorride:”Sei liera di fare le tue scelte, tanto lo so che tornerai, perché vedo nei tuoi occhi una donna frustrata e che ha voglia di svagarsi un po’”, io gli giro la faccia e vado via sbattendo la porta. Non mi ero mai sentita così umiliata in vita mia, e tornando a casa quasi piangevo e non credevo che fosse vero, pensavo che da un momento all’altro qualcuno mi avrebbe svegliata da un incubo. Quella notte quasi non chiusi occhio, non riuscivo a prendere sonno e pensavo e ripensavo alle parole di Maurizio, al suo modo di fare, e per via dei problemi in famiglia erano pure quattro mesi che non facevo sesso. Non so perché, ma cominciavo a scaldarmi e seppur già altre volte mi era successo di toccarmi, quella notte era diverso, mi sditalinai per quasi due ore di fila, non so quante volte venni, ero in preda ad un raptus sessuale. Il giorno dopo, era sabato, ho accompagnato i miei figli dai miei, sulla strada del ritono ho chiamato Maurizio e gli dissi che volevo riparlare della cosa con lui, mi fissò un appuntamento nel primo pomeriggio nel suo studio. Mi preparai come mai avevo fatto, forse nemmeno per Giorgio lo avevo fatto. Indossai un abitino longuette con spacco posteriore, con vistoso scollo a V e bretelline molto fini, sandali con tacchi a spillo, mani e piedi smaltati di rosso intenso, senza reggiseno e con un perizoma in pizzo. Quel pomeriggio, mi avviai verso lo studio di Maurizio e pensavo fra me e me:”Cosa sto facendo? Se Giorgio lo viene a sapere? Sto per rovinare il mio matrimonio”, mi sentivo sporca, ma nello stesso tempo eccitata da quella situazione che si era venuta a creare. Arrivai allo studio, ero indecisa, mi fermai per qualche istante prima di citofonare, poi mi decisi ed entrai. Maurizio era lì che sorrideva, mi accolse come una regina, mi fece accomodare e le prime sue parole furono:”Allora ti sei decisa? Te lo avevo detto che saresti ritornata, oppure c’è dell’altro?”, io quasi intimidita:”Sono venuta per la tua proposta, ma prima voglio sapere come risolvi il problema e soprattutto, Giorgio non deve sapere niente”, lui molto accondiscendente:”Tranquilla come sei agitata, rilassati, sono le tue prime corna vero? Giorgio non saprà niente, a meno che non vorrai dirgli tu le cose come stanno. Per quanto riguarda la faccenda, tranquilla sistemerò io tutto. Ora però sciogliamoci un pò”. Lui allora si alza e si avvicina a me, comincia a sfiorarmi le labbra con le dita, mi careza il viso e dice:”E’ da un sacco di tempo che aspettavo quest’occasione. Tu sei diversa dalle altre. C’è più gustoa rincorrere una donna difficile da prendere, non sai quante volte ho pensato di provarci con te, ma poi l’amicizia con Giorgio mi ha fatto desistere”, si abbassò e mi baciò delicatamente sulle labbra, mentre la sua mano si faceva largo nella scollatura del vestito, mi abbassò le bretelline, facendomi trabordare le tette, che lui mi palpava e diceva:”Sento che hai tanta voglia”, mi prese la mano e me la fece appoggiare sulla patta gonfia. Sentivo che lì sotto c’era qualcosa di grosso, e cominciò a farmi segno di darmi da fare, comiciai a sbottonargli il pantalone e poi tutto giù, pantaloni e slip, davanti a me, vidi un gran bel cazzo circonciso, nettamente più grosso di quello di mio marito, e disse:”Ti piace Scommetto che non lo hai mai visto così grosso. So bene che tuo marito non è così dotato”. Lo sapeva perché spesso in passato andavano a giocare a calcetto e quindi sotto la doccia… Cominciai a menarlo lentamente, poi la mia lingua cominciò a scoprirlo, dapprima la cappella, poi in lungo fino alle palle, lui visibilmente eccitato e compiaciuto, ci guardavamo negli occhi mentre lo facevo, e diceva:”Brava così, sei deliziosa”, poi cominciai a farlo scorrere in bocca lentamente, facendogli sentire il calore della mia bocca e le mie labbra pronunciate e cariche di rossetto. Quel cazzo mi piaceva proprio, la mia mente mi diceva che ero una sporca e che Giorgio non mi meritava, ma il mio corpo era un turbinio di sensi, e sentivo la zoccola che usciva dal mio corpo, quella femminilità disinibita che era stata rinchiusa fino a quel momento. Poi mi denudai completamente, e Maurizio mi fece sedere sulla sua scrivania, cominciò a leccarmi dalla testa ai piedi, letteralmente, e quando affondò la sua lingua tra le mie cosce, provai un piacere immenso, gli presi d’istinto la testa, gemevo e dicevo:”Dai sì, leccami così, sono la tua puttana”, e lui compiaciuto che leccava ancora con più veemenza. Ormai ero sua, potevo fingere come volevo, ma il mio corpo era compiacente in tutto, dimostravo senza rimorsi quel piacere. Maurizio a quel punto prese un preservativo dal cassetto e se lo mise e cominciò a scoparmi sulla scrivania, lui che pompava ed io semisdraiata a cosce aperte e lo incitavo a fottermi, poi mi disse di mettermi a pecorina appoggiata alla scrivania, prima mi leccò, anhe il buchetto del culo, e poi cominciò a scoparmi entrambi i buchi, una goduria immensa, infine, mi fece chinare, si sfilò il preservativo, prima mi ha fatta una spagnola e poi mi ha sborrata su tette e viso, una colata bianca mai vista, che io prontamente cercavo con la lingua e che poi ho ripulito il suo cazzo, e mentre lo facevo, la sorpresa di una seconda venuta, mi trattiene la testa e si svuota nella mia gola, ingoiando avidamente. Poi la cosa ancora più porca, mentre, stavamo li a compiacerci ancora nudi, squilla il mio cellulare, era Giorgio che mi chiedeva dove fossi, ovviamente dissi che stavo con un’amica, ma mentre parlavo, Maurizio mi prese la mano facendomi segno di segarlo, sborrò per la terza volta, anche se ovviamente con minore quantità, imbrattandomi pure il cellulare. Qualche giorno dopo, al rientro di Giorgio, Maurizio ci chiamò per dirci che aveva risolto il nostro problema, Io e Maurizio continuammo a vederci e ancora oggi lo facciamo, ma nello stesso tempo sono riuscita a far assumere Giorgio presso l’impresa di un amico di Maurizio. Tutto ciò che ho scritto, lo fatto dopo aver letto tante delle vostre storie e ci tenevo a farvi partecipi anche della mia, spero sia stata di vostro gradimento. Baci, la vostra Francesca.

Vota la storia:




26/01/2016 23:30

Rigot

Domenica al campo, un freddo cane, proprio da inverno.

26/01/2016 17:39

marooonna

Il Marò Latorre, dopo aver ascoltato il coming out di sua figlia Giulia ha detto che preferisce le prigioni indiane

25/01/2016 15:01

luciano

Sono completamente d accordo con indice !! Sia su questa storia ,coinvolgente, scritta bene ma inventata,sia sui diritti gay e gli immigrati!!

24/01/2016 23:53

Elio

Ma in questo momento si parla di una donna, di un marito e di un commercialista... beato lui.

24/01/2016 16:52

indice

io sono per i diritti gay ma son anche per l espulsione di tanti immigrati parassiti dall italia!! Non tutti!! Quelli che si integrano per me vanno bene!! Per quanto riguarda il racconto è vivace e eccitante, ma , per me, inventato! Preferisco vedere piu gay e lesbiche in giro che immigrati pelandroni parassiti!!!

24/01/2016 11:29

Claudio

Gradita gradita l'avventura, e farebbe davvero comodo il sistema.

24/01/2016 11:16

Agent

Non è stato arrestato dalla polizia postale, ma semplicemente FERMATO per i tafferugli al Family day contro le famiglie arcobaleno. Lo risentiremo presto, non temete.

24/01/2016 10:52

WalterX

Evitiamo l'ossigeno così rimaniamo in tema erotico e non medico.

24/01/2016 08:28

DEX

Dopo aver letto il commento sulla vigliaccheria degli omofobi mi aspettavo il solito putiferio scatenato da "voi_sapete_chi" e dai suoi pseudonimi, ma c'è stato invece un silenzio assordante. Che la polizia postale lo abbia finalmente arrestato?

23/01/2016 22:19

WalterX

Grazie 1000. ;-)

23/01/2016 20:23

Veritiero

Si il racconto mi è piaciuto, WalterX, ma mi è piaciuto ancora di più il tuo commento in alto

23/01/2016 18:02

bisquits

Si, l'ho letto anche io, ma dice che trova difficoltà a reperirli. Pare che gli omofobi siano molto vigliacchi e non abbiano il coraggio di mostrare la loro faccia in televisione

23/01/2016 17:48

reporter

Bonolis a Ciao Darwin cerca ‘persone contrarie all'integrazione degli stranieri in Italia e persone contro i diritti delle unioni gay’.

23/01/2016 15:19

WalterX

Ti piace il racconto allora.

23/01/2016 13:19

Veritiero

Anch'io la penso come te WalterX

23/01/2016 13:15

Peter

Serena porcella, ti compilo io i moduli. :-)

23/01/2016 11:38

Camillo 2

Puerili e sciocchi giudizi questi, invece è ASSODATO che la naturale FRUSTRAZIONE dei CULATTONI che ostentano la loro MALATTIA, coinvolge purtroppo anche i loro genitori. EVVIVA IL FAMILY DAY - EVVIVA LA FICA EVVIVA IL CARDINALE BOGNASCO !!!

23/01/2016 03:05

bilox

Condivido in pieno WalterX

22/01/2016 23:27

mask

storia stra inventata ma bella da leggere !!

22/01/2016 19:00

Bobby

Mi è piaciuto e aggiungo un beato lui.

22/01/2016 18:31

Camillo 2

Bobby, condividi anche tu, ok !!! questi sozzoni non devono arrivare alle ADOZIONI. Evviva la FICA, il Family Day e cacca sul loro pride, ahahahahah !!!

22/01/2016 17:06

Bobby

Confermo e sottoscrivo.

22/01/2016 14:45

Francesco

Infatti, anche nella fantasia, si fa piacevolmente leggere.

22/01/2016 14:40

Camillo 2

La mamma del "DIVERSAMENTE MASCHIO" non è per niente contenta d'avere un figlio CHECCA. Parola di Camillo 2 che : BATTE - FORTE - SEMPRE -

22/01/2016 10:54

katia

Storia di fantasia ma è scorrevole e piacevole!!

22/01/2016 10:26

Zeta

Anche per me.

21/01/2016 22:24

Roy

Simpatico raccontino.

21/01/2016 18:03

Metello

Ha difetti e pregi. Non possiamo pretendere che sia letteratura di alto livello, ma ha una sua ragion d'essere.

21/01/2016 17:10

Camillo 2

DinammicDuo, credo tu abbia fatto una diagnosi perfetta sulla merda; d'altra parte chi meglio di voi CULATTONI la conosce a fondo? Sia che siate attivi o passivi è sempre sulla merda che sguazzate. Ciao pirla, sai bene che è ASSODATO che i CULATTONI che OSTENTANO la loro malattia sono dei FRUSTRATI che, purtroppo coinvolgono anche le loro MAMMINE. Parola di Camillo 2che BATTE - FORTE - SEMPRE - Ahahahah !!! EVVIVA LA FICA -

21/01/2016 17:08

Christine

Anche a me è piaciuto. Non un capolavoro, ma stuzzicante ed eccitante.

21/01/2016 16:07

Camillo 2

Insulsi e vuoti bla bla bla i vostri, invece è ASSODATO che la naturale FRUSTRAZIONE dei CULATTONI che ostentano la loro MALATTIA, coinvolge purtroppo anche i loro genitori. EVVIVA IL FAMILY DAY - EVVIVA LA FICA EVVIVA IL CARDINALE BOGNASCO !!!

21/01/2016 13:03

DinammicDuo

Concordiamo anche noi con WalterX. Come dice un antico proverbio: "La merda più la rigiri più puzza, meglio lasciarla a seccare da sola"

21/01/2016 12:00

mirkoman

Anche per me la storia e' di fantasia ma e' comunque apprezzabile!!

21/01/2016 10:09

Camillo 2

Insulsi e vuoti bla bla bla i vostri, invece è ASSODATO che la naturale FRUSTRAZIONE dei CULATTONI che ostentano la loro MALATTIA, coinvolge purtroppo anche i loro genitori. EVVIVA IL FAMILY DAY - EVVIVA LA FICA !!!

21/01/2016 09:18

Mutageno

Parole sante, WalterX, parole sante! Meglio non abbassarsi rischiando di rimanere invischiati nella melma nella quale sguazza.

21/01/2016 00:01

WalterX

Personalmente mi diverte vedere Camillo arrotolarsi con le parole per cercare qualcuno che gli risponda e inventarsi anche nomi quando non trova nessuno che gli dedica attenzioni. Comunque sia, le risposte ad argomenti senza senso, diventano solo un gioco di poveri frustrati che svilisce e non diverte. Il tempo è meglio non sprecarlo con imbecilli, perché è inutile discutere con un idiota che ti abbassa al suo livello e poi ti batte con l'esperienza della sua idiozia. Non dategli quindi fiato e lasciatelo avvitato nei suoi post, e probabilmente si risponderà piuttosto da solo con qualche nome inventato da lui stesso, se non altro per affannarsi a dimostrare che non è solo.

20/01/2016 21:37

Camillo 2

bernye, ti voglio bene, dammi ascolto, SUICIDATI !!!

20/01/2016 20:36

bernye

camillo2 che fai copi le parole tu sei un frustrato ahahahahahha

20/01/2016 19:47

Toy

Storia piacevole tassativamente. :-)

20/01/2016 19:36

Camillo 2

E' assodato che la naturale FRUSTRAZIONE dei CULATTONI che ostentano la loro MALATTIA, coinvolge purtroppo anche i loro genitori. EVVIVA IL FAMILY DAY !!! PS: Grazie Serena dell'ospitalità.-

20/01/2016 15:19

alessia

A me sa di storia inventata ma molto eccitante!! AD un certo punto pero ' hai detto , rifererendoti a te stessa, dispiaciuto invece che dispiaciuta! Spero che tu non sia il solito gay mascherato! Cmq la storia mi e' piaciuta!

06/02/2016 12:19

Camillo 2

CU CUUUU... Drenato ti sarebbe piaciuto vero? Ahahahahah !!! Invece come la spada di Damocle, incomberò ancora su voi sozzoni con il mio immarcescibile SLOGAN : E' assodato che la FRUSTRAZIONE dei CULATTONI che ostentano la loro malattia coinvolge purtroppo anche i loto genitori. Lode al Family Day e cacca, tanta cacca sul pride. Ahahahaha !!!

04/02/2016 18:34

Drenato

DEX, sì, "quello là" ho saputo che è stato arrestato, pare sia imputato col 41-bis. Intanto è stato schiaffato in una segreta e " poi si vedrà " così ha detto un mio amico gay. Meglio no, ci hanno liberato di un bel peso, ora possiamo goderci i nostri raccontini senza quel rompipalle ahahahahah. Ciao DEX.

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!